La Laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni è attiva solo per gli studenti già iscritti che devono concludere il percorso di studio fino al conseguimento del titolo.

Per gli studenti interessati a intraprendere un percorso di studio di livello magistrale in quest'ambito, è attiva la Laurea Magistrale in Ingegneria dell’Informazione e delle Comunicazioni.

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni si pone l’obiettivo specifico di formare figure professionali in grado di produrre e gestire l’innovazione tecnologica e ricoprire quindi ruoli tecnici e/o manageriali di alto profilo in contesti che richiedono la conoscenza approfondita delle discipline dell’Ingegneria dell’Informazione, privilegiando gli aspetti specifici dell’Ingegneria delle Telecomunicazioni e dell’Ingegneria Elettronica.

Queste figure professionali rispondono alle esigenze del mercato del lavoro, che spesso non richiede una estrema specializzazione in un singolo settore, ma piuttosto una profonda comprensione delle metodologie e delle tecnologie dell’area dell’Ingegneria dell’Informazione, oltre alla capacità di cogliere le relazioni fra le varie discipline e di trattare professionalmente problemi interdisciplinari.

Il profilo formativo del Laureato Magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni gli consente di ideare, progettare, ingegnerizzare e gestire sistemi complessi di telecomunicazione, e più in generale sistemi che richiedano competenze nel settore dell’Ingegneria dell’Informazione.

Tali competenze permettono un inserimento efficace nel mondo del lavoro in tempi molto brevi, spesso prima del termine degli studi. La figura professionale formata è infatti tra quelle considerate a maggior difficoltà di reperimento in Italia (fonte Unioncamere, dati 2008); inoltre quasi il 50% delle assunzioni di laureati in Ingegneria sono riservate ad Ingegneri Elettronici e dell’Informazione (fonte: Consiglio Nazionale degli Ingegneri, dati 2008).