Primo anno

Insegnamenti comuni ai due percorsi

Insegnamento Crediti (CFU)

Istituzioni di Sociologia

Il corso ha lo scopo di introdurre i fondamenti della disciplina fornendo le basi per il successivo apprendimento delle sociologie speciali. In particolare si propone di definire i fenomeni sociali studiati dalla sociologia e di trasmettere i concetti e le nozioni principali necessari all'analisi della configurazione della società e del mutamento sociale

12

Storia del Pensiero sociologico

La presentazione dei classici della sociologia offre una conoscenza di base della disciplina che consenta di affrontare le sociologie particolari e le tendenze della sociologia contemporanea. Gli obiettivi sono la capacità: 1) definire e sviluppare i concetti degli autori trattati; 2) di analizzare le connessioni tra i concetti e di confrontare gli autori su particolari problematiche; 3) di presentare in forma organica la materia; 4) di usare con precisione il linguaggio

12

Psicologia sociale

Gli obiettivi si sostanziano nell'acquisizione di una conoscenza sufficientemente approfondita e articolata delle strutture e dei processi di costruzione e rappresentazione della realtà sociale, dei concetti chiave che descrivono il funzionamento dei gruppi e i riflessi che i processi di gruppo hanno in termini di dinamiche sociali, nonché di quelli relativi alle relazioni interpersonali e all'influenza sociale

8

Storia contemporanea

Gli obiettivi formativi che il corso intende conseguire sono la capacità di analizzare e comprendere fenomeni storici complessi offrendo una serie di approfondimenti problematici sui principali nodi tematici della storia europea e mondiale a partire dall'Ottocento

8

Scienza politica

Il corso si propone di introdurre: a) al linguaggio e alle concettualizzazioni della scienza politica, con particolare riferimento alla teoria della democrazia; b) alla descrizione del processo democratico e all'analisi tipologica e storicocomparativa dei suoi più importanti fattori; c) al padroneggiamento critico degli strumenti di analisi e delle problematiche delle democrazie contemporanee

8

Introduzione all’analisi empirica della società

Il corso introduce gli studenti agli strumenti basilari della statistica descrittiva per mostrare come possano essere applicati allo studio della società italiana. In particolare, attraverso nozioni di statistica monovariata e bivariata vengono illustrate alcune importanti trasformazioni del nostro paese riguardanti l'istruzione, le dinamiche familiari, l'inserimento nel mercato del lavoro, la partecipazione religiosa e i valori degli italiani

8

Diritto pubblico

Il corso ha come finalità formativa quella di fornire allo studente gli strumenti essenziali per la comprensione del diritto pubblico italiano, oltre alle nozioni fondamentali del diritto dell'U.E., le coordinate metodologiche e critiche utili per confrontarsi con l'evoluzione del sistema comunitario, nonché di consentirgli di acquisire una sufficiente padronanza del metodo comparatistico

6

 

Secondo anno

Insegnamenti comuni ai due percorsi

Insegnamento Crediti (CFU)

Metodologie delle scienze sociali

Il corso affronta i principali orientamenti epistemologici nel dibattito contemporaneo delle scienze sociali analizzando i nessi tra teoria e ricerca; con riferimento agli approcci quantitativi e qualitativi si ricostruiscono gli sviluppi storici dei metodi di ricerca empirica in sociologia. L'obiettivo formativo è quello di fornire gli elementi metodologici ed operativi per comprendere le trasformazioni della società italiana degli ultimi decenni.

12

Metodi e tecniche della ricerca sociale

Il corso intende offrire una formazione di base di metodi e tecniche della ricerca sociale con l'obiettivo di trasmettere agli studenti la capacità di comprendere e utilizzare sia approcci quantitativi che qualitativi, fornendo idonee conoscenze e abilità relativamente agli strumenti e alle tecniche di rilevazione, di raccolta e di analisi dei dati

8

Economia politica

Il fine del corso è quello di raggiungere una conoscenza di base delle teorie micro e macroeconomiche tradizionali. In particolare i contenuti della parte microeconomica del corso riguardano la scelta individuale razionale; il mercato; domanda e offerta; teoria del consumatore e dell'impresa; forme di mercato; mercato di fattori produttivi. I contenuti della parte macroeconomica riguardano la contabilità nazionale; l’equilibrio in economie chiuse e aperte (IS/LM); la politica economica; i rapporti con l'estero

12

Sociologia (corso avanzato)

Gli obiettivi formativi che si intendono conseguire consistono nell'apprendimento della capacità a) di comparazione degli schemi di riferimento e dei modelli presentati; b) di analisi, comprensione e spiegazione, mediante gli schemi di riferimenti ed i modelli teorici, delle strutture e dei processi sociali, sia a livello micro sia meso e sia macro, con particolare riferimento alla società contemporanea

8

Antropologia culturale

Gli obiettivi formativi che si intendono conseguire consistono nell'acquisizione dell'idea di "alterità" che è alla base dell'antropologia e del ruolo che questa scienza ha all'interno degli studi sociali. Lo studente deve quindi acquisire la conoscenza del quadro diacronico che si è andato configurando e che ha portato agli attuali sviluppi della disciplina

8

Competenze linguistiche – Lingua Inglese (B1)

Scopo del corso è sviluppare le capacità ricettive della competenza linguistica, in particolare la capacità di leggere e comprendere dei testi, interagire in una conversazione e produrre un testo utilizzando un linguaggio semplice

6

Un insegnamento a scelta

Insegnamento Crediti (CFU)

Scienza, tecnologia e società

Obiettivo centrale del corso è l’introduzione ai concetti chiave della sociologia della scienza e della tecnologia e alla loro applicazione alle dinamiche della scienza e della tecnologia nelle società contemporanee. In particolare, il corso è organizzato per condurre gli studenti a conseguire i seguenti obiettivi:

a) una ricognizione generale della sociologia della scienza e delle sue principali interazioni con altre aree disciplinari;

b) un’introduzione agli autori che più hanno contribuito alla fondazione e allo sviluppo della sociologia della scienza e degli Science and Technology Studies (es. Merton, Kuhn, Fleck, la Scuola di Edimburgo, Latour, Collins e Pinch, Bijker, Ogburn);

c) una rassegna dei principali temi: rapporto tra scienza, società e politica; controversie scientifiche; scienza, democrazia e partecipazione civica; rapporto tra scienza, tecnologia e innovazione;

d) l'applicazione di tale quadro concettuale alle dinamiche di scienza, tecnologia e innovazione nelle società contemporanee.

8

Sociologia del mutamento

Le azioni collettive di protesta sono le unità di base di movimenti sociali, tumulti, rivoluzioni, rivolte, dinamiche che comportano significativi cambiamenti sociali, politici e culturali. Ma come si distinguono tali azioni, e come nascono e si sviluppano? Questo corso affronta tali questioni presentando le teorie dell’azione collettiva e in particolare, la letteratura che, a partire dall’inizio degli anni settanta, ha interpretato la nascita e lo sviluppo dei movimenti sociali. Gli studenti acquisiranno le competenze analitiche e teoriche per interpretare tali fenomeni e approfondiranno alcuni casi empirici legati sia alla realtà italiana che internazionale; saranno inoltre capaci di collegare la teoria con eventuali casi empirici discussi; dimostreranno padronanza dei temi presentati argomentandoli con un linguaggio sociologico appropriato.

8

 

Terzo anno - Percorso Sociologia e scienze sociali

Insegnamenti obbligatori

Insegnamento Crediti (CFU)

Metodi quantitativi per la ricerca

Il corso introduce in modo unitario alle principali metodologie quantitative di analisi sociale e politica. Tali metodologie ruotano attorno al trattamento dei dati sia attraverso metodi statistici (medie, deviazioni standard, tabelle a doppia entrata) sia matematici (funzioni, modelli matematici, teoria dei giochi)

8

Crediti a scelta

Scopo delle attività a scelta è quello di offrire allo studente la possibilità di approfondire ambiti e temi di suo interesse, pur all’interno del filone di studi intrapreso. L’acquisizione dei crediti a scelta può essere realizzata sia attraverso esami relativi a corsi impartiti nelle lauree triennali presenti in facoltà, sia attraverso iterazioni di esami già sostenuti, sia attraverso seminari di credito o laboratori organizzati ad hoc. Tutti o parte di questi crediti possono anche essere acquisiti attraverso attività di convegni, corsi di formazione e di aggiornamento organizzati da Enti pubblici o privati, collegati o meno al mondo universitario (previo riconoscimento attraverso documentazione adeguata e valutazione del presidente del Corso di Laurea)

16

Competenze informatiche

Scopo delle attività è il trattamento informatico di dati quantitativi

2

Percorso orientativo: lauree magistrali e mondo del lavoro

Il percorso orientativo alle lauree magistrali e il mondo del lavoro ha lo scopo di avvicinare lo studente al lavoro del sociologo ed orientarlo nelle scelte professionali e formative, facendo conoscere e sperimentare i campi applicativi dove il sapere sociologico viene impiegato e le principali future opportunità di specializzazione e formazione

2

Prova finale

Vedi art. 9 del Regolamento didattico del corso di studio

4

Un insegnamento a scelta

Insegnamento Crediti (CFU)

Sociologia della famiglia

Scopo dell’insegnamento e’ che i partecipanti acquisicono conoscenza dei principali modelli interpretativi del cambiamento della famiglia a livello nazionale ed internazionale, le loro cause e consequenze. Il corso si articola in una parte generale (60%) e una parte specifica (40% circa), nella quale saranno approfondito alcune tematiche specifiche di rilevanza sociale ed attuale. Alla fine i partecipanti avranno conoscenza dei concetti base della sociologia della famiglia e del ruolo del ”istituzione famiglia” per le società odierne, delle teorie principali rilevanti per la sociologia della famiglia, nonché i principali cambiamenti avvenuti nelle caratteristiche delle famiglie e nei comportamenti familiari in Italia ed in Europa. Alla fine del corso gli studenti avranno anche una nozione dell’attuale ricerca internazionale su famiglia ed alcuni processi demografici, e disporranno degli strumenti teorici e metodologici per essere in grado di discuterle criticamente. Inoltre, il corso offre allo studente la possibilità di sviluppare le competenze fondamentali di ricerca, quali la ricerca e gestione di letteratura di ricerca internazionale, la presnetazione di dati per descrivere ed interpretare correttamente fenomeni sociali legati alla familgia e la demografia, la identificazione di una (piccola) domanda di ricerca, elaborare una tesina, presentare in classe, discutere il lavoro dei colleghi. Lo studente viene inoltre familarizzato con i principi etici nella ricerca e apprenderà alcuni elementi chiavi del codice d’onore.

8

Sociologia dell'educazione

Gli obiettivi formativi che s'intendono conseguire riguardano l'analisi critica dei principali fenomeni educativi e delle diverse teorie che li interpretano e la riflessione sui principali meccanismi che portano a definire l’istruzione sia uno strumento di disuguaglianza sociale basato sul titolo di studio ottenuto sia un mezzo di mobilità sociale. Ci si prefigge nello specifico di far conoscere a studenti e studentesse la storia del sistema scolastico e universitario italiano ponendo attenzione alle riforme più significative che l’hanno trasformato nel tempo, per concludere con un’analisi approfondita dell’organizzazione della scuola e dell’università italiana oggi; si intende mettere rilievo i diversi compiti attribuiti alla scuola nel tempo in relazione ai mutamenti politici, economici e culturali della società di cui è espressione; ci si propone di analizzare inoltre i diversi modelli educativi a cui si ispirano i principali sistemi scolastici europei mettendo in evidenza le differenti conseguenze che ne derivano a livello individuale e sociale. Una particolare attenzione viene posta al tema delle disuguaglianze rispetto all'istruzione per rendere consapevoli studenti e studentesse degli effetti delle principali variabili che ne sono responsabili (quali la condizione socio-economica e culturale della famiglia d'origine, il genere e l'appartenenza etnica), i meccanismi di selezione che agiscono e i vari interventi finalizzati al riequilibrio delle disparità all'interno della scuola. Ci si aspetta che lo studente acquisisca un linguaggio adeguato a rappresentare i fenomeni in campo educativo e senso critico nella lettura degli stessi; dimestichezza nella lettura di statistiche scolastiche locali, nazionali ed internazionali. Sia in grado di leggere e interpretare i risultati di ricerche relative a fenomeni educativi quali ad esempio le diverse opportunità di raggiungere titoli di studio elevati in base all'origine sociale, al genere e all'etnia di appartenenza. La conoscenza di obiettivi e metodologie didattiche ed educative (quali cooperative learning, il clima di classe ecc.), finalizzate a sostenere i soggetti svantaggiati all'interno della classe, consentirà a studenti e studentesse di acquisire competenze concrete e abilità di base nella loro applicazione.

8

Sociologia della religione

Come tutti i fenomeni culturali anche quello religioso tende ad essere non problematizzato ed a riassumersi nelle evidenze che si materializzano sotto i nostri occhi. In realtà i fenomeni religiosi hanno un ruolo fondativo e strutturante, sono cioè fonti di agire normativo che cambia il volto di intere società. Scopo principale del corso è proprio quello di acquisire una simile consapevolezza. Per queste ragioni il corso è articolato in più parti. La prima mira a fornire gli elementi costitutivi della disciplina. In questa verranno trattati: a) Il contesto e le ragioni dell'affermazione della sociologia delle religioni; b) L'istituzionalizzazione e la progressiva autonomia della disciplina; Per questa parte ci si attende che lo studente pervenga alla conoscenza del contesto culturale nazionale nel quale la disciplina si è affermata a partire dalla seconda metà del XIX secolo. In particolare sarà necessario conoscere gli aspetti istituzionali attraverso i quali questo conflitto si è sviluppato e strutturato. Ci si attende pertanto che lo studente sappia inserire i singoli autori nel contesto delle tensioni istituzionali che hanno accompagnato l'istituzionalizzazione accademica della disciplina. c) Gli orientamenti principali della sociologia delle religioni così come si sono essenzialmente definiti nell'opera di E. Durkheim e di Max Weber. Nella seconda parte, di orientamento monografico, verrà invece analizzato il testo di Max Weber: "L'etica protestante e lo spirito del capitalismo".

8

Un insegnamento a scelta

Insegnamento Crediti (CFU)

Sociologia economica e del lavoro

Finalità dell’insegnamento è far sì che gli studenti acquisiscano conoscenze e comprendano le connessioni fra istituzioni, corpi intermedi, individui e strutture sociali secondo la prospettiva istituzionalista. Questo approccio teorico e metodologico nelle scienze sociali è comune ad economia e sociologia ed ha avuto importanti sviluppi nel campo della sociologia economica e delle relazioni economiche e di potere. Il corso è articolato in due parti: la prima ha carattere introduttivo alle basi teoriche e metodologiche della prospettiva istituzionalista, declinata allo studio della sociologia economica, dei mercati del lavoro e del lavoro umano, mentre la seconda parte è finalizzata all’applicazione pratico-metodologica attraverso la preparazione di articoli di ricerca empirica teoricamente orientata, così da permettere agli studenti di sperimentare in prima persona il legame indispensabile fra argomentazioni teoriche (spesso macro) e ricerca microbasata (gli attori essendo individui, famiglie o imprese/organizzazioni).

8

Sociologia dell'organizzazione

Il corso si propone rendere studentesse e studenti consapevoli della pervasività delle organizzazioni nella società contemporanea, di delineare i principali contributi e le prospettive emergenti negli studi organizzativi, di offrire strumenti e chiavi di lettura per interpretare le caratteristiche e i processi delle organizzazioni, intese come costruzioni sociali, e per analizzarle criticamente.

8

Studi urbani

Il corso introduce alle principali prospettive teoriche e metodologiche che esaminano le società urbane. Sarà quindi analizzata e posta in questione la classica dicotomia sociologica urbano-rurale, considerando come diversamente si è evoluto lo spazio urbano nel corso del tempo e le dinamiche storiche che ne hanno determinato i mutamenti. Processi di segregazione urbana, immigrazione, sprawl, città globali e gentrification costituiranno gli specifici focus di approfondimento del corso.

8

Sociologia dello sviluppo internazionale

Le diseguaglianze tra le aree del pianeta sono molto forti. Le condizioni di vita della popolazione variano moltissimo a seconda del posto in cui si vive. Quali fattori possono spiegare perché alcune aree godono di una notevole ricchezza, altre sono povere, alcune riescono a migliorare (o peggiorare) la propria situazione? Quali fattori sociali contribuiscono allo sviluppo di una paese, di un continente, di una regione?

8

Un insegnamento a scelta

Insegnamento Crediti (CFU)

Sociologia delle relazioni internazionali

Il modulo si prefigge il compito di fare acquisire agli studenti la strumentazione teorica e metodologica necessaria per comprendere il comportamento degli stati nella politica internazionale.

8

Sociologia politica

Il corso presenta riflessioni teoriche ed empiriche su alcune aree di ricerca centrali nella sociologia politica. Si focalizzerà in particolare sulla partecipazione politica e l’azione collettiva. Per ognuna di queste due aree, il corso discuterà le principali teorie esplicative. Gli studenti acquisiranno le competenze analitiche e teoriche per interpretare tali fenomeni e approfondiranno alcuni casi empirici.

8

 

Terzo anno - Percorso Progettazione e innovazione sociale

Un insegnamento a scelta

Insegnamento Crediti (CFU)

Progettazione sociale

Il corso ha lo scopo di introdurre a una serie di competenze utili per la progettazione e gestione di progetti, soprattutto nell’ambito delle professioni sociali

8

Progettare e valutare processi formativi e attività culturali

Il corso ha lo scopo di introdurre a una serie di competenze utili per la valutazione di processi formativi e attività culturali (es. attività formative, attività museali, festival)

8

Crediti a scelta

Scopo delle attività a scelta è quello di offrire allo studente la possibilità di approfondire ambiti e temi di suo interesse, pur all’interno del filone di studi intrapreso. L’acquisizione dei crediti a scelta può essere realizzata sia attraverso esami relativi a corsi impartiti nelle lauree triennali presenti in facoltà, sia attraverso iterazioni di esami già sostenuti, sia attraverso seminari di credito o laboratori organizzati ad hoc. Tutti o parte di questi crediti possono anche essere acquisiti attraverso attività di convegni, corsi di formazione e di aggiornamento organizzati da Enti pubblici o privati, collegati o meno al mondo universitario (previo riconoscimento attraverso documentazione adeguata e valutazione del presidente del Corso di Laurea)

14

Competenze trasversali per la carriera lavorativa

Il percorso di competenze trasversali per la carriera lavorativa ha lo scopo di avvicinare lo studente al mondo del lavoro ed orientarlo nelle scelte professionali e formative, facendo conoscere e sperimentare alcuni settori occupazionali rilevanti. Lo studente avrà la possibilità di scegliere tra il ventaglio dei seminari proposti

2

Stage

Tirocinio formativo in uno dei settori occupazionali rilevanti

4

Prova finale

Vedi art. 9 del Regolamento didattico del corso di studio

4

Un insegnamento a scelta

Insegnamento Crediti (CFU)

Ricerca sociale e dati digitali

Il corso si propone di introdurre gli studenti ai principali strumenti teorici e metodologici per effettuare ricerca sociale esplorando lo spazio del digitale e sfruttando i dati prodotti attraverso l'uso delle varie piattaforme. A questo scopo, il corso intende offrire una rasssegna di alcune delle teorie principali elaborate negli ultimi anni nel campo della sociologia per comprendere il digitale ma anche una serie di sessioni pratiche attraverso le quali trasferire nella pratica questi strumenti concettuali.

8

Teorie e tecniche dei media digitali

1. Conoscenza e comprensione critica dei principali media digitali, del loro uso, delle loro differenze e delle loro criticità. 2. Capacità di costruire una strategia digitale, integrata nei media classici sui principali social media. 3. Capacità di creare una content strategy e un piano editoriale sui principali social media. 4. Capacità di considerare i brand nella loro dimensione "globale", coordinando identità, immagine e reputazione in un unico piano di comunicazione. 5. Capacità di creare una presentazione articolata e di presentarla in pubblico.

8

Un insegnamento a scelta

Insegnamento Crediti (CFU)

Innovazione, tecnologia e società

Il corso introduce in forma applicativa gli elementi centrali delle politiche di innovazione e la progettazione di attività in questo settore attraverso l’analisi di casi rilevanti. Gli studenti potranno conoscere i principali strumenti per analizzare i processi di innovazione in campo tecnologico e scientifico. Particolare attenzione sarà rivolta allo studio critico delle strategie di sviluppo di una ricerca responsabile e innovativa secondo le linee guida della commissione europea (RRI). L’uso di alcuni strumenti informatici di accesso libero permetterà agli studenti di realizzare progetti utilizzando anche forme di visualizzazione grafica per rappresentare dati, attività e concetti.

8

Organizzazione e risorse umane

Il corso si propone di fornire a studenti e studentesse conoscenze e strumenti di lettura della gestione delle risorse umane, dell’organizzazione del lavoro e dell’evoluzione del Human Resource management. Particolare attenzione sarà posta a temi quali: l’inclusione e valorizzazione delle differenze (diversity management e Inclusione & valuing diversity), la gestione per fasi di vita e l’age management, la gestione del cambiamento organizzativo (change management).

8
Aggiornato il
1 Luglio 2020