MyUnitn
  • Livello: Laurea di secondo livello
  • Classe del corso: LM-14 - Lettere moderne
  • Lingua in cui si tiene il corso: italiano
  • Modalità di accesso: libero, con verifica dei requisiti di ammissione
  • Sede: Dipartimento di Lettere e filosofia, via Tommaso Gar 14, 38122 Trento.

Il corso di laurea magistrale in Filologia e critica letteraria nasce dalla fusione dei due metodi fondamentali della ricerca umanistica: l’indagine filologica, che investiga tra i documenti e ricostruisce i testi, e la riflessione critico-letteraria, che i testi li colloca nel tempo e li spiega.

L’elemento di forza del corso risiede proprio nell’interazione tra questi due poli dell’apprendimento specialistico, nello scambio di conoscenze e competenze tra due ambiti che sono, per tradizione, complementari e armonici, perché entrambi partono dal dato concreto e dallo “scavo” sul particolare per conseguire la capacità di formulare visioni d’assieme e ipotesi di portata generale. È così che nasce ed è su queste basi che cresce quel dialogo interdisciplinare e multiculturale che è il cuore del sapere umanistico.
Lo studente acquisisce e perfeziona competenze diversificate, così da poter inquadrare la propria ricerca in una griglia critica tridimensionale e complessa, ampliando la portata della propria analisi e del proprio giudizio dal locale all’universale, ossia da un piano regionale o nazionale, specificamente italiano, ad un piano europeo e mondiale. I libri non sono visti solo come oggetti materiali, come prodotti editoriali concepiti, confezionati e utilizzati da un preciso contesto cronologico, linguistico e geografico, ma anche come opere d’arte, portatrici di un valore e di un messaggio artistico extra-temporale e sovranazionale.

Lo studente specializzato in questo ambito avrà dunque un profilo intellettuale molto flessibile, capace tanto della massima astrazione quanto del coinvolgimento attivo nella lettura e nella costruzione della società contemporanea. Il corso di laurea magistrale in Filologia e critica letteraria propone allo studente due carriere tipo di specializzazione, una in ambito classico e una in ambito moderno.

L’offerta didattica del corso di laurea magistrale in Filologia e critica letteraria prevede un’articolata proposta di iniziative transdisciplinari, che consiste in cicli di conferenze e incontri con l’autore, in convegni e giornate di studio, aperti tanto alla partecipazione di studiosi di fama internazionale quanto all’apporto di giovani ricercatori. Questi appuntamenti hanno lo scopo di integrare la riflessione individuale, approfondendo il confronto e la discussione critica di gruppo già avviata durante le regolari lezioni in aula, attraverso lo scambio di informazioni e di prospettive metodologiche.

Lo studente che consegue la laurea magistrale in discipline umanistiche acquisisce inoltre la padronanza di nozioni informatiche importanti applicate al proprio ambito di ricerca (consultazione e gestione di corpora elettronici, banche dati digitalizzate, edizioni multimediali e risorse catalografiche online, ecc.), e ha la possibilità di migliorare la conoscenza di una o più lingue straniere, usufruendo anche di borse di studio per soggiorni all’estero presso sedi universitarie convenzionate o gemellate, presenti in tutto il territorio dell’Unione Europea.

Obiettivi formativi

Il corso di laurea magistrale in Filologia e critica letteraria intende raggiungere obiettivi formativi che si caratterizzano come competenze nei settori dell’italianistica e della critica letteraria, con attenzione alla storia della tradizione classica e medievale.
Il corso intende consolidare le conoscenze della storia e dei testi della letteratura, prevalentemente italiana, attraverso il contatto diretto con gli autori e le opere; gli studenti vengono orientati all’esercizio di un’esegesi e di una critica autonoma e originale mediante strumenti di ricerca forniti dalle discipline filologiche, linguistiche e letterarie, approfondite anche nel loro statuto epistemologico.
Accanto a ciò si intende fornire anche una buona conoscenza critica della tradizione letteraria greco-latina e della sua eredità nella tarda antichità e nel medioevo latino e romanzo. In particolare, si approfondiscono le competenze di lettura critica dei testi e delle fonti originali, anche in relazione alla nascita e allo sviluppo dei diversi generi letterari.

Profili professionali

I profili professionali previsti per i laureati del corso di Laurea magistrale in Filologia e critica letteraria sono nei seguenti ambiti:

  • insegnamento nella scuola: i laureati possono prevedere come occupazione l’insegnamento nella scuola, una volta espletato il processo di abilitazione all’insegnamento alla luce della normativa vigente;
  • editoria: le competenze linguistiche, filologiche e letterarie acquisite nel corso del biennio magistrale permettono ai nostri laureati di svolgere funzioni di redattore e di curatore;
  • giornalismo e comunicazione: il Corso offre la preparazione di base, sia sul piano delle competenze storico - culturali che su quello della padronanza degli strumenti comunicativi, per intraprendere il percorso per la professione giornalistica;
  • agenzie di comunicazione e pubblicità;
  • enti pubblici e privati finalizzati alla promozione e diffusione delle attività culturali;
  • attività dell'editoria, della pubblicistica e di altri media.

Studi che si possono intraprendere dopo la laurea

La laurea magistrale in Filologia e critica letteraria fornisce le conoscenze per accedere, previa selezione, ai Corsi di Dottorato di Ricerca, il più alto grado di istruzione previsto nell'ordinamento accademico italiano finalizzato all'acquisizione delle competenze necessarie per esercitare attività di ricerca di alta qualificazione presso università, enti pubblici e soggetti privati, allo sviluppo del progresso scientifico e tecnologico e alla creazione di una classe dirigente con una cultura professionale di alto livello e una corrispondente apertura internazionale.
Presso l'Università di Trento è attivo il Corso di Dottorato di Ricerca Le Forme del Testo.

La laurea permette altresì l’accesso ai Master universitari di II livello, percorsi di perfezionamento scientifico e alta formazione permanente, finalizzati ad approfondire le conoscenze acquisite durante la laurea e costruire dei profili professionali specializzati.

Aggiornato il
21 Marzo 2017