MyUnitn

Dopo il primo anno, che prevede un percorso comune, il corso è articolato in tre orientamenti:

Primo anno

Insegnamenti comuni  a tutti gli orientamenti

Insegnamento Crediti (CFU)

Tecnica delle costruzioni

Il corso di Tecnica delle Costruzioni si pone nell’ambito dell’area tecnico-operativa di intersezione tra l’ingegneria civile e l’ingegneria ambientale. La principale finalità del corso è quella di rispondere all’esigenza di fornire al futuro ingegnere le conoscenze e competenze di base della progettazione e della verifica di sicurezza delle costruzioni. L’ambito è quello delle costruzioni in cemento armato e in acciaio. In questo modo si può affrontare un campo molto ampio di problematiche strutturali

12

Metodi numerici per l'ambiente

Il corso è dedicato all'acquisizione di conoscenze teoriche e pratiche sui metodi numerici per la risoluzione di equazioni differenziali ordinarie e alle derivate parziale (iperboliche, paraboliche e ellittiche) che interpretano diversi processi ambientali. Il corso fornisce agli studenti strumenti matematici di base in un contesto interdisciplinare in cui la matematica è collegata ad altre discipline del percorso formativo. Oltre allo studio teorico dei metodi, il corso comprende due progetti finalizzati a sviluppare la capacita degli studenti di lavorare in forma autonoma, di comunicare in forma scritta ed orale e di discutere criticamente i risultati ottenuti

9

Pianificazione territoriale

Il Corso si propone di fornire agli studenti gli strumenti analitici che sono utilizzati nella lettura delle trasformazioni della città e del territorio e gli strumenti operativi che sono utilizzati nel controllo, nell’indirizzo e nella pianificazione di tali trasformazioni. Una particolare attenzione è dedicata alle problematiche ambientali, con riferimento da un lato alle interazioni tra processi insediativi e processi naturali e dall’altro alla pianificazione e progettazione ambientali, con riferimento alla sostenibilità dello sviluppo

9

Idrodinamica

Il corso è dedicato all'approfondimento dei contenuti formativi di base impartiti nei corsi di Meccanica dei Fluidi e alla loro applicazione ai sistemi idrici naturali, con particolare riferimento alle correnti fluviali. Il corso fornisce in particolare gli strumenti necessari per la determinazione del comportamento di correnti a superficie libera in condizioni permanenti e per la modellazione di deflussi non stazionari. Il corso fornisce inoltre alcuni elementi propedeutici per lo studio del comportamento dinamico degli alvei fluviali

12

Acquedotti e fognature

Il corso si propone di insegnare agli allievi ingegneri gli elementi necessari alla progettazione di un acquedotto e di una fognatura di un piccolo centro urbano o di una quartiere di una città. Il corso comprende lezioni  teoriche in cui vengono trasmesse – essendo già noti gli elementi dell’idrologia e dell’idraulica applicata – le conoscenze necessarie al calcolo idraulico delle reti in pressione e a pelo libero, alla comprensione della funzionalità dei dispositivi idraulici presenti negli acquedotti e nelle fognature, compresi gli elementi e le tipologie costruttive e gli elementi normativi

6

Modellazione idrologica

Il corso fornisce le competenze necessarie allo realizzazione di studi idrologici. L'attenzione è incentrata sui modelli di formazione dei deflussi superficiali e sotterranei con applicazioni riguardanti gli studi idrologici per la progettazione delle opere idrauliche di utilizzazione e difesa e a corredo delle valutazioni di impatto ambientale di opere che interagiscono con le acque del ciclo idrologico

6

 

Secondo anno

Attività comuni a tutti gli orientamenti

  Insegnamento Crediti (CFU)
obbligatorio

Ingegneria fluviale

L'insegnamento di Ingegneria Fluviale si presenta come un corso di carattere applicativo, che completa la formazione dell'allievo ingegnere nel settore della progettazione delle opere di sistemazione dei corsi d'acqua e del controllo dei bacini idrografici. L'insegnamento conserva tuttavia alcune caratteristiche di tipo formativo di base, in quanto offre strumenti teorici e analitici per impostare la parte progettuale. Parte integrante dell’insegnamento è la redazione di un progetto di sistemazione fluviale che consiste in una applicazione guidata, che completa la formazione dell'allievo ingegnere conferendogli competenze di tipo progettuale. Si tratta di un vero e proprio progetto esecutivo di un'opera civile, composto sia dalle relazioni di analisi e di calcolo che dalle tavole progettuali, le cui scelte fondamentali sono lasciate allo studente. Nel progetto si fanno così confluire molte delle competenze che vengono fornite all'allievo ingegnere durante il suo corso degli studi

12
a scelta libera

Insegnamenti a scelta

12
obbligatorio

Altre attività

3
obbligatorio

Prova finale

15

 

Orientamento "Difesa del suolo e protezione civile"

  Insegnamento Crediti (CFU)
obbligatorio

Stabilità dei pendii

Il corso trasferisce le conoscenze di base per riconoscere e analizzare i problemi di stabilità dei pendii sia naturali che artificiali, di terra o di roccia. Sono forniti gli strumenti per: pianificare le indagini per stimare i valori delle grandezze che controllano la stabilità di un pendio; eseguire le verifiche di stabilità; individuare il meccanismo di rottura; individuare le grandezze da monitorare per conoscere le condizioni di stabilità; scegliere la tipologia di intervento di stabilizzazione

6
obbligatorio

Fisica dell'atmosfera e del clima

Il corso offre un approfondimento dei processi atmosferici di interesse per l'ingegneria ambientale. In particolare si esaminano le dinamiche atmosferiche a scala sinottica che presiedono ai principali fenomeni meteorologici alle medie latitudini, i fenomeni alla mesoscala, con particolare riguardo alle circolazioni che si sviluppano in ambiente montano, e i fenomeni a scala locale, con particolare approfondimento dei processi dello strato limite atmosferico e dei fenomeni legati alla turbolenza atmosferica. Si esaminano infine alcune applicazioni di tali conoscenze ad ambiti quali la gestione della qualità dell'aria, la valutazione e l'utilizzo di energie da fonti rinnovabili, il supporto ad attività economiche (agricoltura, trasporti) e la caratterizzazione meteo-climatologica del territorio

6
2 insegnamenti a scelta tra

Valutazione di impatto ambientale di piani e progetti

Il corso ha lo scopo di fornire i fondamenti teorici per la comprensione delle principali procedure, metodologie e tecniche di valutazione ambientale e le nozioni pratiche per svolgere analisi volte a prevedere gli effetti ambientali di opere e piani territoriali. Il corso ha un carattere marcatamente interdisciplinare e intende concorrere alla formazione di un ingegnere ambientale capace di contribuire attivamente alle procedure di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) e Valutazione Ambientale Strategica (VAS)

6

Rilevamento territoriale

Lo scopo del corso è di fornire le conoscenze per progettare ed eseguire rilievi topografici per scopi specifici, con particolare riguardo per i rilievi applicati al controllo, i rilievi ad alta produttività con tecniche GPS in tempo reale e i rilievi speciali. Vengono introdotte le tecnologie satellitari per il rilevamento

6

Protezione Idraulica del territorio

Il corso si prefigge l'obiettivo di approfondire le problematiche geofisiche connesse ai deflussi naturali che investono aree perimetrali agli alvei e che riguardano fluidi di natura diversa: acqua, mistura acqua-sedimenti, neve. Il corso si concentra sulla conoscenza della modellazione fisica e matematica e sui metodi applicativi. Sullo sfondo di questo corso si configura la metodologia di valutazione del rischio

6

Morfologia ed ecologia fluviale

Il corso fornisce conoscenze necessarie per la pianificazione e progettazione di interventi di sistemazione e rinaturalizzazione delle aste fluviali con particolare riferimento ai processi dinamici che ne caratterizzano l'evoluzione plano-altimetrica in risposta ad eventi naturali e antropici. Il corso fornisce inoltre elementi di ecologia fluviale, approfondendo in particolare le relazioni fra funzionalità ecologica e morfologia delle aste fluviali

6

 

Orientamento "Tecnologie di risanamento e gestione delle risorse ambientali"

  Insegnamento Crediti (CFU)
obbligatorio

Idraulica ambientale

Il corso ha lo scopo di fornire i fondamenti teorici per studiare i processi di trasporto di massa e le nozioni pratiche per la soluzione dei problemi ambientali connessi con i processi di miscelamento e di smaltimento di inquinanti nei corpi idrici naturali e artificiali. All'interno del corso vengono offerte inoltre le nozioni di morfodinamica fluviale necessarie per comprendere l'effetto dell'assetto plano-altimetrico dei corsi d'acqua sui processi di miscelamento

6
obbligatorio

Modellistica ambientale

Il corso è dedicato all'acquisizione di conoscenze teoriche e pratiche relative alla modellazione matematica di processi di trasporto nei corpi idrici e in atmosfera, secondo un approccio marcatamente interdisciplinare. Il corso prevede l’analisi di specifici casi di studio, l’implementazione pratica di metodi numerici per la simulazione dei processi, il confronto con soluzioni fornite da codici commerciali e con dati sperimentali, l’analisi critica dei risultati ottenuti e delle prestazioni del modello matematico

6
2 insegnamenti a scelta tra

Impianti di trattamento delle acque reflue

L'insegnamento è rivolto agli studenti che intendono acquisire una conoscenza completa e dettagliata nel campo del trattamento delle acque reflue domestiche, urbane ed industriali, acquisendo anche competenze in una progettazione di massima dei principali comparti. In particolare, lo studente acquisirà competenze su come effettuare la caratterizzazione qualitativa e quantitativa delle acque reflue, come leggere ed interpretare la normativa (nazionale ed europea) e quali comparti di trattamento scegliere per la riduzione degli inquinanti nelle acque reflue al fine di raggiungere i limiti allo scarico secondo normativa. La discussione di particolari aspetti critici completerà la conoscenza nel settore. Nell'ultima parte del corso verrà effettuato un approfondimento con una visita tecnica su un impianto reale.

6

Gestione delle risorse idriche 

Il corso affronta tematiche inerenti gli effetti della pressione antropica sulle risorse idriche sotterranee.  Esso è articolato in modo da fornire agli allievi ingegneri le competenze necessarie alla progettazione di sistemi di utilizzazione compatibili con la conservazione della risorsa e di interventi di recupero degli acquiferi contaminati. La prima parte del corso affronta lo studio del flusso dell'acqua e del trasporto di agenti contaminanti nel sottosuolo. La seconda parte è invece dedicata alla progettazione di sistemi di utilizzazione delle risorse idriche sotterranee, alla loro difesa e monitoraggio, nonché alla progettazione degli interventi di bonifica degli acquiferi contaminati

6

Impianti di trattamento dei rifiuti

Il corso trasferisce le conoscenze di base per dimensionare gli  impianti che caratterizzano il settore, tenendo conto del sistema integrato della gestione dei rifiuti (riduzione, riuso, riciclaggio, recupero). Sono forniti gli strumenti per dimensionare impianti basati su processi biochimici e termochimici. A completamento dello scenario di competenze progettuali sono fornite le basi per il dimensionamento di discariche per varie tipologie di rifiuti

6

Progettazione di impianti di trattamento sanitario-ambientale

Il corso permette di imparare i metodi di progettazione degli impianti di depurazione per acque civili ed industriali, sia di tipo convenzionale che di tipo avanzato. La progettazione degli impianti di trattamento delle acque reflue è integrata con opzioni per lo smaltimento dei fanghi e la gestione della frazione organica dei rifiuti solidi, in modo da realizzare una progettazione integrata di impianti sanitario-ambientali. Gli studenti saranno in grado di svolgere esercitazioni numeriche inerenti il dimensionamento di impianti di trattamento delle acque reflue e realizzeranno, in gruppo, una dettagliata relazione tecnica di progetto di un impianto di trattamento delle acque reflue urbane.

6

 

Orientamento "Progettazione integrata dell'ambiente e del territorio nei contesti di cooperazione internazionale"

  Insegnamento Crediti (CFU)
obbligatorio

Metodi di cooperazione allo sviluppo e gestione partecipata dei progetti

L’insegnamento offre un’introduzione ai metodi e agli approcci di cooperazione allo sviluppo umano sostenibile, di progettazione inclusiva e partecipata e di gestione dei conflitti ambientali, e consiste in due moduli fra loro coordinati: a) cooperazione allo sviluppo; b) metodologie partecipative e gestione dei conflitti ambientali. Il corso mira, in particolare, a sviluppare le seguenti competenze: consapevolezza delle tematiche valoriali ed etiche della cooperazione internazionale; conoscenze di base di economia e antropologia dello sviluppo e degli strumenti per  misurare, valutare e promuovere processi dello sviluppo umano e sostenibile; conoscenza degli approcci e delle metodologie della cooperazione internazionale; capacità di lettura delle relazioni di potere tra gli attori del territorio e di studio degli effetti diretti sull’organizzazione e l’innovazione territoriale; competenze di base per la gestione di interventi di community planning e la costruzione di percorsi partecipati

6
obbligatorio

Stage di progetto nei contesti di cooperazione internazionale

L’insegnamento costituisce una attività a forte valenza pratica e di interazione con gli attori di un progetto di sviluppo in ambito internazionale, e prevede anche un periodo di lavoro sul campo. A partire da una impostazione teorica sugli strumenti di progettazione dello sviluppo, l’insegnamento offre un naturale completamento alla formazione dell’opzione formativa “Progettazione integrata dell’ambiente e del territorio nei contesti di cooperazione internazionale” orientato alla relazione con gli attori, alla conoscenza del contesto e alla progettazione in contesti interculturali e interdisciplinari

6
2 insegnamenti a scelta tra

Gestione e uso delle risorse idriche nei contesti in via di sviluppo

L’insegnamento mira a sviluppare, in un’ottica integrata: la capacità di lettura critica delle relazioni fra la distribuzione spazio-temporale della risorsa idrica, il suo utilizzo e le dinamiche di sviluppo umano dei territori; la conoscenza e la capacità di applicazione di metodologie di gestione inclusiva delle risorse idriche per la promozione dello sviluppo socio-economico a scala di bacino; la conoscenza e la capacità di applicare criteri di progettazione per l’approvvigionamento idrico in aree rurali di paesi a medio e basso reddito

6

Progettazione integrata dell'ambiente e degli insediamenti

Il corso si propone di fornire strumenti analitici e approcci progettuali rivolti alla individuazione e alla soluzione di criticità che emergono dai processi e dagli assetti insediativi, rivolgendo una particolare attenzione alle interazioni tra attività antropiche e processi naturali. Con riferimento ai paesi in via di sviluppo, vengono identificate le problematiche ricorrenti nei contesti urbani, rurali e in quelli caratterizzati da grande dotazione ambientale, proposti metodi di indagine di queste problematiche oltre che di selezione di obiettivi e prospettate soluzioni sia gestionali che progettuali

6

Gestione dei rilasci solidi e liquidi nei contesti in via di sviluppo

Il corso trasferisce le conoscenze di base per pianificare e dimensionare sistemi di raccolta e trattamento di acque reflue civili e di rifiuti urbani nei contesti della cooperazione internazionale. Sono fornite competenze differenziate per paesi a basso e medio-basso reddito. Gli scenari di intervento sono distinti tra urbani e rurali. Per gli ambiti suddetti sono trasferiti anche criteri per la gestione dei rifiuti speciali e delle acque reflue industriali

6

 

Aggiornato il
20 Dicembre 2018