MyUnitn

Tirocinio

Il tirocinio è un’esperienza formativa professionalizzante, coerente con il percorso di studio seguito dagli studenti iscritti ai corsi di laurea magistrale del Dipartimento di Economia e Management e con lo scopo di consentire allo studente un riscontro ed un arricchimento delle nozioni apprese nel corso degli studi universitari e di orientare le future scelte professionali.

Requisiti per l’accesso al tirocinio

Gli studenti dei corsi di laurea magistrale possono iniziare il tirocinio secondo le modalità previste dai relativi regolamenti didattici.

Eventuali deroghe motivate devono essere richieste al Delegato di Dipartimento per i tirocini; in ogni caso, tali deroghe possono essere concesse per non più di 12 crediti formativi complessivi.

Per iniziare l’attività di tirocinio lo studente deve seguire la procedura prevista dall’Ufficio Job Guidance dell’Università di Trento e dovranno essere rispettate le disposizioni di legge e regolamento in materia di tirocini curricolari.

Prima del tirocinio

Prima di iniziare le procedure per dar corso ad un tirocinio formativo lo studente deve individuare il soggetto ospitante tramite le proposte dell’Ufficio Job Guidance dell’Ateneo o in maniera autonoma qualora la ricerca non avesse avuto esiti positivi. In tal caso il progetto di tirocinio deve essere valutato favorevolmente dal Delegato di Dipartimento, eventualmente previo parere positivo del tutor universitario.

C’è la possibilità di effettuare anche uno Stage interno, cioè un'attività formativa che lo studente può svolgere presso laboratori/Dipartimenti o strutture amministrative dell'Ateneo, purché inerente al proprio percorso di studi.

Procedura di inizio tirocinio

Per avviare il tirocinio, lo studente deve seguire le procedure per l’attivazione e lo svolgimento dello stage previste dall'Ufficio Job Guidance.

Svolgimento

Lo svolgimento del tirocinio deve avvenire sulla base di una convenzione stipulata tra Università e soggetto ospitante.

Durata

La durata del tirocinio varia da un minimo di 8 settimane ad un massimo di 6 mesi, comprensivi del periodo che deve essere dedicato alla stesura della relazione finale..

Nell’ambito delle lauree magistrali che per l’attività di tirocinio riconoscono un numero di crediti inferiore a 3, la durata minima è ridotta a 4 settimane.

Le date di inizio e termine, le eventuali sospensioni, nonché gli orari di tirocinio sono fissati di comune accordo tra Università e soggetti ospitanti. Gli orari di frequenza non devono, comunque, essere inferiori a 20 ore medie settimanali e le assenze non devono superare il 20% del numero totale delle ore previste.

Tutorato

Il Dipartimento di Economia e Management garantisce la presenza di un tutor universitario come responsabile didattico delle attività di ogni singolo tirocinio. Il suo ruolo è di approvare il programma delle attività di tirocinio che lo studente ha concordato con il soggetto ospitante, eventualmente anche interloquendo con il tutor aziendale, di definirne gli obiettivi formativi e di orientamento, di verificarne in itinere l’andamento, di garantire, sia verso il soggetto ospitante che verso il Dipartimento, il rispetto dei contenuti e degli obiettivi fissati nel progetto e di controllare l’efficacia dell’esperienza, anche controfirmando la relazione finale.

Il tutor universitario può essere individuato dallo studente, previa dichiarazione di disponibilità da parte dello stesso tutor. Il Delegato di Dipartimento potrà fornire indicazioni per la ricerca di un tutor universitario qualora lo studente non ne individui uno autonomamente.

Possono essere tutor universitari i seguenti soggetti:

  • professori e ricercatori del Dipartimento di Economia e Management, o di altri Dipartimenti dell’Università in caso di particolari progetti di tirocinio;
  • esercitatori e professori a contratto del Dipartimento di Economia e Management;
  • dottorandi iscritti al terzo anno di dottorato e assegnisti post doc, a condizione che svolgano la loro attività di ricerca prevalentemente presso i Dipartimenti dell’Università degli Studi di Trento.

I compiti del tutor universitario rientrano nella valutazione complessiva dei carichi di lavoro svolta annualmente dalla Direzione del Dipartimento.

Il soggetto ospitante individua, al suo interno, un tutor aziendale che assume il ruolo di referente per l’Università, all’interno dell’azienda, per tutto ciò che riguarda le attività del singolo tirocinio. Il tutor aziendale è il responsabile dell’inserimento in azienda dello studente, garantisce che lo studente svolga le attività previste dal programma e collabora alla sua valutazione. Il tutor aziendale interagisce, anche a distanza, con il tutor universitario ed è tenuto a compilare un modulo di valutazione a fine tirocinio.

Termine stage

Al fine di ottenere il riconoscimento della propria attività di Tirocinio Didattico Universitario, lo studente deve seguire le procedure di termine dello stage previste dall'Ufficio Job Guidance.

Unitamente alle Schede di Valutazione ed al Certificato di Tirocinio parte prima (consegnati all’inizio del tirocinio) lo studente dovrà consegnare all’ Ufficio Job Guidance anche una relazione dell’attività svolta, i cui argomenti saranno:

  • presentazione del soggetto ospitante: attività svolta, settore di appartenenza, prodotti e servizi offerti, clientela …;
  • analisi dell’esperienza lavorativa dal punto di vista sia organizzativo che dell’attività effettivamente svolta. Se si tratta di un tirocinio di laurea magistrale, particolare attenzione deve essere prestata anche agli aspetti di analisi critica;
  • richiamo agli obiettivi definiti nel progetto di tirocinio ed analisi del loro grado di raggiungimento;
  • considerazione finale sull’esperienza: valutazione dell’esperienza dal punto di vista sia formativo che relazionale; valutazione della propria preparazione universitaria in relazione alle capacità professionali richieste; soddisfazione in termini di aspettative e di risultati.

Nel caso in cui la prova finale (tesi di laurea) verta sull’esperienza di tirocinio, essa sarà valutata secondo le modalità previste dai regolamenti dei corsi di laurea.

Sulla base della documentazione presentata all’Ufficio Job Guidance e dopo l’approvazione del tirocinio da parte del tutor universitario, il Delegato di Dipartimento provvede a verbalizzare i crediti formativi relativi al tirocinio. In caso di valutazione negativa, ovvero di interruzione anticipata del tirocinio, il Delegato di Dipartimento decide se rinviare lo studente ad una nuova esperienza.

Per maggiori informazioni sugli stage contatta l'Ufficio Job Guidance.

Stage interno

Lo stage interno è un'attività formativa che lo studente può svolgere presso laboratori/Dipartimenti o strutture amministrative dell'Ateneo, purché inerente al proprio percorso di studi.

Nel Box download è disponibile un fac simile di progetto (integrabile e modificabile a piacere) da utilizzare per l'attivazione dello stage interno.

Il modulo va compilato e fatto firmare in doppio originale:

  • nel caso di stage di ricerca, solo dal docente referente presso il laboratorio/Dipartimento;
  • nel caso di stage presso Uffici amministrativi, sia da un docente del proprio corso di studio (tutor universitario), sia dal tutor della Struttura ospitante.

Un originale va lasciato alla Struttura ospitante e l'altro conservato dal tirocinante.

A conclusione dell’attività formativa, lo studente dovrà presentare al docente responsabile per i tirocini del proprio percorso di studio (vedi contatti):

  • una relazione in cui descriva l’attività svolta;
  • una certificazione rilasciata dalla struttura ospitante attestante le mansioni e il numero di ore svolte.

Per qualsiasi informazione aggiuntiva su durata, orario dello stage interno, si faccia riferimento al Regolamento di Dipartimento per i tirocini nel Box download.

 

Abilitazione alla professione di Dottore Commercialista

Tutte le informazioni sono disponibili sulla pagina dell'Università di Trento relativa all'abilitazione alla professione di Dottore Commercialista

Aggiornato il
30 Ottobre 2017